the-canyons-grand canyon - Usa4you.it Informazioni utili per un viaggio negli Usa

Vai ai contenuti

Menu principale:


Rim2rim Grand Canyon


Martedi 9



Questa mattina, a malincuore, lascio il parco.

Lascio il campeggio molto velocemente, visto che ho sempre dormito in macchina e quindi dopo una rapida colazione sono pronto per la prossima meta, il north Rim del grand canyon.
Finalmente mi devo preparare alla grande avventura del Rim 2 Rim.
Lungo la strada faccio una sosta per fare benzina e per chiedere info su due strade al visitor Center di Kanab e poi proseguo verso sud.
Appena entrato nell'area del parco, percorro la strada laterale che porta a Cape Royal e Point Imperial facendo i vari stop per i view point e alcuni trail come ad esempio Cape Final . L'area in alcune zone presenta ancora i danni dell'incendio che c’è stato circa un mese prima, ma i danni sembrano minimi, e la strada per fortuna è stata riaperta pochi giorni fa.
Finito il giro mi avvio verso il visitor center per le ultime info sul meteo per i prossimi due giorni.
Fortunatamente scopro che il meteo sembra abbastanza buono, ma il ranger mi avverte della rottura della pipeline dopo il Supai Tunnel, quindi niente acqua nel bright angel campground.
Mi consiglia quindi una buona scorta di acqua e il filtro per prenderla direttamente dal fiume, questo comporterà un bel peso dello zaino per tutta l'escursione.
Proseguo verso il lodge, stasera si dorme comodi, anche perchè devo lavare un po' di vestiti e caricare le batterie. Dopo aver sistemato la roba in camera continuo la vista del Rim con i view point e il veloce Bright Angel Point fino allo spettacolare tramonto sul Canyon.



Grand Canyon North Rim Lodge

Voto:9/10


Mg. parziali: 174.2
Mg. totali: 368.2



Mercoledi 10


Stamattina la sveglia suona presto, quindi chiudo lo zaino e mi avvio subito verso il trailhead del North Kaibab Trail , lascio la macchina nel parcheggio e inizio l'escursione verso le 5.30.

Fa abbastanza fresco a quest'ora, anche perchè qui siamo a circa 2500 mt di altitudine, mi godo però questa temperatura perchè quando sorgerà il sole e soprattutto nel fondo del canyon farà molto ma molto caldo.
La prima parte del percorso si snoda nel bosco fino ad arrivare al primo view point, il Coconino Overlook, poi continua fino al Supai Tunnel dove il percorso si apre.
Poco prima di Roaring Spring  vedo la rottura della Pipeline di cui mi aveva accennato il ranger.
Il percorso è tranquillo e anche se il sole ormai si sta alzando, in questo tratto ci sono ancora alcuni punti all'ombra.
Dopo circa una decina di km arrivo al Cottonwood campground, qui ormai sono sotto il sole ma le temperature sono ancora accettabili, vedo qualche tenda di qualche escursionista e continuo verso la prossima meta, le Ribbon Falls.
Qui, bisogna deviare leggermente dal percorso, prendendo una deviazione sulla destra segnalata da un cartello.
Così facendo arrivo dove c'è un piccolo creek da attraversare e qui in mezzo alla folta vegetazione ho un incontro ravvicinato con un serpente a sonagli.
Per fortuna ha iniziato il classico suono prima che lo vedessi, altrimenti gli sarei quasi sicuramente passato sopra, visto che era sul sentiero.
Ero a circa mezzo metro da lui, cosi con cautela ho fatto qualche passo indietro e ho cercato un altro punto per evitarlo.
Arrivato alla cascata ho fatto una piccola pausa per la colazione ,un po' di foto e ho riposato la schiena dal peso dello zaino, approfittando anche della zona d'ombra.
Dopo circa mezz'oretta mi sono rimesso in marcia, il rattlesnake era sempre più o meno nello stesso punto, sempre abbastanza infastidito della mia presenza, cosi mi sono tenuto a debita distanza e ho continuato per la mia strada.
Dopo aver guadato il creek sono ritornato sul sentiero e ho proseguito per gli ultimi 11 km circa.
Questo percorso è meno in discesa ed è esposto al sole per la maggior parte.
Inizio a incontrare qualcuno che cammina nella direzione opposta alla mia, e anche qualcuno che lavora sul sentiero con l'appoggio di un elicottero.
Ormai ci sono , arrivo dal cartello con la mappa, passo il Phantom Ranch e arrivo dal campeggio del Brigh Angel verso le 11.30. Qui c'è ancora poca gente, il sole è alto e ci sono oltre 110 gradi Fahrenheit , cosi mi rinfresco un attimo nel fiume che costeggia il campeggio.
Poco dopo lascio il permesso attaccato al posto tenda che ho scelto e proseguo per vedere il maestoso fiume Colorado, per poi andare a bere qualcosa di fresco al Phantom Ranch.
Alle 17 è prevista la cena, che con difficoltà ero riuscito a prenotare, cosi insieme ad una bella e buona bistecca faccio conoscenza con altri escursionisti e chiaccheriamo un po'.
Torno poi al campeggio per montare la tenda prima che faccia buio, anche perchè sembra si stia annuvolando, infatti poco dopo si scatena un temporale con vento forte  che mette a dura prova le tende, ma almeno rinfresca un pochino visto ancora le alte temperature.
Il temporale non dura molto, ancora una birretta insieme ai simpatici vicini di camping e poi si va a dormire con un cielo ancora un po' nuvoloso.



Bright Angel Campground


Voto:7/10


Mg.di cammino: 16


Giovedi 11


Oggi la sveglia è alle 4.30, smonto il campo e rifaccio lo zaino, per poi fare colazione, alle 6 sono pronto per la risalita del Bright Angel Trail per arrivare al South Rim del Grand Canyon.

La prima parte che costeggia il Colorado è tutta pianeggiante, dopo la River Rest House inizia la salita , sempre costante senza mai pause.
Lungo il percorso ci sono diversi punti dove è possibile prendere acqua, anche se porto con me la scorta.
Da metà percorso il sole non perdona e mi accompagna fino alla fine del percorso, e raggiungo la vetta dopo circa 4 ore scarse di cammino.
Sono le 10 quindi ho ancora un po' di tempo prima dello shuttle delle 13,30 che mi riporterà al North Rim dalla mia macchina, cosi ne approfitto per vedere la Hermit Rest.
Finito il giro torno per l'appuntamento con lo shuttle che parte in orario e dopo circa 4 ore di viaggio sono nuovamente dalla mia auto al North Rim.
Qui mi aspetta una piccola sorpresa, appena accendo l'auto mi appare il segnale delle due gomme davanti sgonfie , scendo a controllare ma in realtà a vista non lo sembrano.
Parto comunque in direzione nord e arrivato in zona Jacob Lake trovo un distributore, cosi mi fermo e chiedo al meccanico se può controllare le gomme. Dal controllo sembra tutto ok, la pressione data dal computer di bordo non coincide con quella reale.
Meno male, sicuramente un errore del sensore, sarebbe stato un problema abbastanza fastidioso dato che il giorno dopo dovrò affrontare una lunga strada sterrata per the Wave.
In zona c'è anche un campeggio ma non hanno più posti disponibili, allora mi fermo per cena e po proseguo ancora un po prima che faccia buio e mi fermo in uno spiazzo poco più avanti.
Testata già l'auto a Zion per dormirci dentro, mi sistemo senza il benché minimo problema e data la lunga giornata, non faccio fatica ad addormentarmi.



Mg. di cammino: 10


Mg. parziali: 43.8

Mg. totali: 412
Pagine
Categorie
Partners
Social
Il materiale pubblicato su questo sito è di proprietà di Usa4you.it.
La riproduzione del materiale e l'utilizzo delle immagini è vietata
senza il mio consenso.
© 2009-17 Usa4you.it - Tutti i diritti riservati -
© 2009-17 Usa4you.it - Tutti i diritti riservati -
Torna ai contenuti | Torna al menu