Usa4you-the-best-of-utah-water-canyon - Usa4you.it Informazioni utili per un viaggio negli Usa

Vai ai contenuti

Menu principale:


Zion - Water Canyon-Kanab


Lunedi 12 Agosto



Questa era l’ultima notte a Zion, quindi al mattino smonto il campo e riordino le cose in macchina buttando un po’ di spazzatura accumulata nei giorni passati.
Faccio sosta al market di Springdale per il ghiaccio e per altri picchetti per la tenda e ne approfitto per fare colazione e rifornimento alla macchina.
Oggi ero indeciso tra due escursioni: una dentro al parco di Zion, l’altra a Sud del parco. Scelgo la seconda, Water Canyon
nei pressi di Hildale proprio al confine tra Arizona e Utah.
Arrivato nella piccola cittadina seguo le indicazioni dei miei appunti fino ad arrivare sulla strada che porta al trailhead.
La strada non è messa molto bene, sterrata di fango e sabbia e oltre a buche profonde, forse a causa dei temporali, in alcuni punti è un po’ mezza franata.
Comunque con il jeep Wrangler non ho problemi e arrivo al parcheggio dove c’è anche una macchina, mi preparo lo zaino e parto.

Il sentiero all’inizio sale subito, ma è tutto sabbia profonda e quindi ancora più faticoso, entra subito nella vegetazione costeggiando il torrente fino dopo qualche miglia scendere ed entrare in una specie di canyon tipo The Subway e arrivare alle cosiddette Water Canyon Falls.
Il trail non finisce qui, risalgo le piccole cascate che hanno una portata molto bassa di acqua e continuo a salire, noto anche alcuni bulloni e ganci che vengono usati per la discesa in corda doppia.
Da questo momento diventa più difficile trovare il percorso che sale lungo la roccia della montagna, la vegetazione è tanta e molte volte bisogna anche arrampicarsi usando le mani senza vedere né cairns o impronte di scarpe, comunque niente di impossibile.
Il percorso qui sale ancora di più e si incominciano ad intravedere le montagne rosse dietro, i sentieri si moltiplicano e comunque da sotto vedo la fine del sentiero, ovvero il "Top Rock" - una formazione rocciosa stile Coyote Buttes.
Ad un tratto incontro una coppia di turisti tedeschi che sta scendendo, scambiamo qualche parola e mi dicono che non sono riusciti a trovare le White Domes, altre collinette molto belle e fotogeniche, hanno seguito i cairns ma nulla, li ringrazio delle info e proseguo.
Finalmente dopo circa 5 km sono in cima e da quassù si vede un bellissimo panorama a 360 gradi, faccio qualche foto e ne approfitto, trovato un albero, per fare una pausa pranzo all’ombra.
Finita la pausa controllo il navigatore perché voglio cercare di trovare e raggiungere le White Domes , il problema è che sembra intravederle da lontano ma non trovo un passaggio per arrivarci.
Ci sono molti alberi e piante basse, vedo dei cairns ma sembrano portare da tutta altra parte come dicevano i turisti tedeschi, ma alla fine trovo una pietra con sopra una freccia e comincio a seguire una specie di sentiero.
Le piogge della sera prima devono aver cancellato le tracce sulla sabbia perché non ne vedo e anche dal gps sono fuori rotta, così mi fermo e cerco di trovare un’altra via, ma in quel momento mi sento gocciolare addosso, non ci credo, mi volto e dietro la montagna è pieno di nuvole  belle cariche di acqua.

Sono nel dubbio: o aspetto che passi il temporale per arrivare alle White Domes o torno indietro visto che la strada sterrata era già messa maluccio ed in caso di pioggia forte rischierei di rimanere lì bloccato?
Non metto molto a decidermi visto che in un attimo si scatena il temporale, metto su il copri zaino da pioggia per l’attrezzatura fotografica e mi avvio velocemente verso il ritorno.
Anche se da metà percorso in poi sono in mezzo al bosco, il temporale è molto forte e l’acqua che scende dai bordi della montagna mi bagna dalla testa ai piedi.
Arrivo ad un’oretta abbondante quasi dal parcheggio che smette di piovere, sconsolato ma ormai sono lì e spero che le condizioni della strada siano tali da permettermi il ritorno.
Arrivo al parcheggio e mi metto subito in moto, lungo il percorso ci sono alcuni wash pieni di acqua ma grazie al 4wd del Wrangler ne esco indenne, non mi rimane quindi che muovermi verso Kanab dove passerò la notte.
Approfitto quindi del tempo a disposizione per fare un po’ di bucato e mettere a caricare un po’ di batterie e passo dal visitor center per chiedere info su alcuni hike sulla Cottonwood per il giorno dopo.
Arrivato in hotel, una bella doccia e a cena a mangiare qualcosa di decente dopo i tre giorni di campeggio e scatolette.






Mg. parziali: 159,1 Mg. totali: 396,7


Treasure Motel

150 W. Center Street
Kanab
Voto:7/10


Pagine
Categorie
Partners
Social
Il materiale pubblicato su questo sito è di proprietà di Usa4you.it.
La riproduzione del materiale e l'utilizzo delle immagini è vietata
senza il mio consenso.
© 2009-17 Usa4you.it - Tutti i diritti riservati -
© 2009-17 Usa4you.it - Tutti i diritti riservati -
Torna ai contenuti | Torna al menu